Category Archives: INFORMAZIONI VARIE sotto la lente

10

ABC bolletta Luce e Gas: Enel, Eni, Edison, A2A, Acea, Hera, Iren, E.on, Sorgenia, Illumia

Questo ABC bolletta Enel, Eni, Edison, A2A, Acea, Hera, Iren, E.on, Sorgenia, Illumia… fornisce ai consumatori una rapida panoramica dei reclami più comuni nel settore dell’energia elettrica e del gas: fatture pazze, solleciti di pagamento per importi non dovuti, sospensione della fornitura elettrica.

Da quando il 1° gennaio 2016 è entrata in vigore la nuova bolletta per le forniture di energia elettrica e gas si è cercato si semplificare le informazioni presenti; la prima notizia utile che i consumatori possono trovare in bolletta è se si riferisce ad un contratto sul Mercato Libero o di Maggior Tutela (per l’elettricità) o al Servizio di Tutela (per il gas). Subito dopo la bolletta riporta: il nome e l’indirizzo del cliente, l’indirizzo del punto di consegna, il codice POD per l’elettricità e codice PDR per il gas, le caratteristiche tecniche della fornitura e la tipologia del contratto sottoscritto. Inoltre si trovano altre informazioni importanti, cioè:

  • l’importo da pagare e la scadenza;
  • i consumi espressi in chilowattora (kwh) per l’elettricità e in metri cubi standard (Smc) per il gas, fatturati nel periodo di riferimento. Si indica poi se i numeri del contatore sono stati letti dal distributore (lettura rilevata), comunicati dal cliente (autolettura) o stimati sulla base dei consumi abituali del cliente;
  • se la bolletta è di accontodi conguaglio e il periodo di riferimento.
  • nelle bollette elettriche sono evidenziati anche i consumi per fascia: F1 a maggior costo, F2-F3 a minor costo.

Purtroppo non è facile per i consumatori comprendere se l’importo indicato in bolletta è realmente dovuto: al nostro sportello riceviamo numerose segnalazioni su conguagli in bolletta di importi anomali, doppia fatturazione in caso di cambio di fornitore, sospensione della fornitura per morosità, rateizzazione delle bollette con importi elevati e molto altro.

I reclami riguardano generalmente: Enel, Eni, Edison, A2A, Acea, Hera, Iren, E.on, Sorgenia, Illumia … Cosa fare in questi casi?

  • Presentare un reclamo scritto, ai canali corretti presenti sulla propria bolletta,alla società di vendita con i dati identificativi della propria fornitura e una breve descrizione della problematica riscontrata. Naturalmente è possibile chiedere assistenza al nostro sportello di consulenza per essere seguiti dai nostri esperti;
  • se il reclamo non ha ottenuto riscontro è possibile attivare una Conciliazione paritetica o presso il Servizio Conciliazione dell’Autorità sempre seguiti dai nostri consulenti. 

Ma non solo! Non perdere il video di Angelo, il simpatico protagonista della nostra mini-serie, tradotta in lingua dei segni e dedicata ai più comuni problemi di consumo. Guarda il video e scopri come evitare di rimanere al buio!

Video realizzato nell’ambito del progetto “Quello che le persone non dicono, un’inclusione possibile” finanziato dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali ai sensi dell’art. 72 del CTS annualità 2017 e realizzato dall’Unione Nazionale Consumatori in partnerariato con U.Di.Con.

Read More

04

CAF CGN s.p.a. Proposta Convenzione Aziendale

CAF  CGN s.p.a.                                                                      CAF  DEI PROFESSIONISTI

CAMPAGNA 2018 SERVIZIO DI COMPILAZIONE ED ELABORAZIONE DEL Mod. 730 E IMU PER VOSTRI DIPENDENTI E LORO FAMILIARI (assistenza fiscale ai sensi dell’Art.78 L. n° 413/91 e successive modificazioni)

Gentile utente / Spett.le Azienda

Il nostro Studio, Ufficio Autorizzato del CAF CGN (Circuito di Garanzia Nazionale), desidera proporre alla vostra Azienda una convenzione per beneficiare della compilazione ed elaborazione a prezzo agevolato delle dichiarazioni dei redditi (modello 730) e dei relativi modelli per il pagamento dell’IMU e TASI in favore dei vostri dipendenti e dei loro familiari.

Il servizio è reso dal nostro Studio che si preoccuperà del coordinamento dell’intera iniziativa, dalla raccolta della documentazione alla gestione del conguaglio mediante il modello 730/4, passando per la consegna del modello 730 direttamente ai dipendenti.

Si precisa, inoltre, che le informazioni relative alla dichiarazione modello 730 saranno trattate nel più ampio rispetto della legge sulla Privacy.

Vi sottoponiamo, perciò, la nostra migliore offerta in merito al servizio proposto e di seguito i vantaggi, nonché gli aspetti economici connessi.

VANTAGGI PER L’AZIENDA

  • Minor lavoro amministrativo:
  1. li CAF CON provvederà a inoltrarvi un solo modello 730/4 evitandoti la gestione del rinvio a più CAF dei modelli stessi
  2. Il lavoro è demandato al professionista al quale sono in capo la responsabilità e gli oneri della compilazione ed elaborazione dei modelli 730

        Fidelizzazione e tutela dei dipendenti:

  1. L’azienda propone un professionista serio e affidabile per svolgere gli adempimenti fiscali
  2. Viene fornito ai dipendenti un servizio di valore, anche sotto forma di benefit

VANTAGGI PER I DIPENDENTI

 Consegna direttamente in azienda di tutta la documentazione fiscale necessaria per la compilazione ed elaborazione del modello 730

 Ritiro diretto del modello 730 senza alcuno spostamento

  • Adempimento degli obblighi fiscali con il minor dispendio di tempo
  • Vantaggio economico importante derivante dalla presente convenzione

RESPONSABILITÀ

Il CAF CGN rispetta tutti i requisiti normativi per lo svolgimento dell’attività di assistenza fiscale nonché dell’apposizione del Visto di conformità sulle dichiarazioni elaborate dai propri Uffici Autorizzati.

CORRISPETTIVO SPETTANTE ALL’UFFICIO AUTORIZZATO SCRIVENTE

A fronte dell’attività di consulenza per l’elaborazione e compilazione dei Modelli 730 dell’anno in corso verrà richiesto a ciascun contribuente un compenso di:

Euro  35,00   per Modello 730 singolo compilato dal professionista

Euro  70,00   per Modello 730 congiunto compilato dal professionista 

Sottolineiamo che nessun obbligo e nessun addebito sarà a carico dell’Azienda stipulante la convenzione con durata limitata alla campagna 2018.

Alla presente si allega:

  • Pro-memoria e prenotazione 730 da consegnare ai dipendenti e ai loro familiari
  • Autorizzazione all’esercizio dell’attività di assistenza fiscale ai dipendenti e pensionati CAF CGN p.a.

In attesa di un vostro gentile riscontro, a disposizione per un incontro di approfondimento anche presso la vostra sede.

Cordiali saluti.                                               Responsabile ufficio  Monica Vincenza

Reggio Emilia 15/03/2018

     CAF  CGN s.p.a.   Via Pistelli 5 – Reggio Emilia – 347.2344028

Read More

09

Come disdire l’abbonamento RAI

Canone RAI: quando è possibile chiedere l’esenzione dal pagamento e cosa comporta l’assenza di un’utenza elettrica intestata.

 L’esenzione dal canone RAI può dunque essere richiesta solo in queste 3 circostanze:
  • chi non ha la TV: l’esenzione dall’abbonamento televisivo riguarda i soggetti che, pur risultando i titolari di un’utenza domestica, non possiedono la televisione. Coloro che, infatti, non detengono alcun apparecchio televisivo devono compilare il modulo dell’Agenzia delle Entrate precisando che in nessuna abitazione, dove è attivata un’ utenza elettrica a loro intestata, si trova una TV. In questo caso la richiesta va rinnovata tutti gli anni;
  • chi ha 75 anni di età: la seconda situazione in cui viene ammesso l’esonero dal pagamento del canone RAI riguarda i contribuenti che hanno compiuto 75 anni di età, aventi un reddito annuo non superiore a 6.713 euro. L’esenzione, anche per questa categoria, la si può richiedere inviando la dichiarazione sostitutiva, mediante la compilazione dell’apposito modulo reso disponibile dall’Agenzia delle Entrate. Si precisa, che in tal caso, il modulo deve essere trasmesso una sola volta, non essendo richiesto un invio ogni anno;
  • categorie particolari tra cui agenti diplomatici; funzionari e impiegati consolari; funzionari di organizzazioni internazionali; militari non italiani o personale civile non residente in Italia, di cittadinanza straniera, appartenente alle Forze Nato e di stanza in Italia.

A partire dal 2017, la dichiarazione di non detenzione va presentata invece entro il 31 gennaio o entro il 30 giugno per essere esonerati con riferimento al secondo semestre dell’anno.

In caso di possesso di apparecchio televisivo e di assenza di un’utenza elettrica intestata ad almeno uno dei componenti della famiglia anagrafica, il canone va pagato con il modello F24.

Read More

09

PRIMA CASA, QUANDO è PIGNORABILE

La prima casa non è sempre impignorabile: questa vale solo se si tratta dell’unico immobile in proprio possesso.

In caso di pignoramento immobiliare esistono alcune regole che vincolano l’azione dell’ente di riscossione, tra questi è vietato il pignoramento sulla prima casa, a patto che si tratti dell’unica casa del debitore. In sostanza perché valga il principio della pignorabilità della prima casa è necessario che il debitore non sia in possesso di alcun altro immobile, indipendentemente dall’uso, dalla destinazione e dall’accatastamento. Anche chi acquisti un minima quota in un altro immobile rende pignorabile la “prima casa”. Questo significa che nel caso in esame, il possesso di un secondo immobile, rende pignorabile tanto la prima casa quanto l’altra.

Per completezza ricordiamo che in merito al DLgs 158/2015, è stato riformato il sistema sanzionatorio penale e amministrativo. Ai fini del Ravvedimento operoso IMU, TASI e TARI, il DLgs 158/2015 prevede all’articolo 15, comma 1, lettera o, la riscrittura dell’Art. 13 del DLgs 471/1997 che stabilisce la sanzione da applicare per omessi o parziali versamenti in misura pari al 30% con riduzione a metà per versamenti effettuati nei primi 90 giorni dopo la scadenza afferma che:

“1. Chi non esegue, in tutto o in parte, alle prescritte scadenze, i versamenti in acconto, i versamenti periodici, il versamento di conguaglio o a saldo dell’imposta risultante dalla dichiarazione, detratto in questi casi l’ammontare dei versamenti periodici e in acconto, ancorché non effettuati, è soggetto a sanzione amministrativa pari al trenta per cento di ogni importo non versato, anche quando, in seguito alla correzione di errori materiali o di calcolo rilevati in sede di controllo della dichiarazione annuale, risulti una maggiore imposta o una minore eccedenza detraibile. Per i versamenti effettuati con un ritardo non superiore a novanta giorni, la sanzione di cui al primo periodo è ridotta alla metà. Salva l’applicazione dell’articolo 13 del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472, per i versamenti effettuati con un ritardo non superiore a quindici giorni, la sanzione di cui al secondo periodo è ulteriormente ridotta a un importo pari a un quindicesimo per ciascun giorno di ritardo.”

Il creditore quindi, prima si deve rivolgere al Giudice competente, firmare il decreto ingiuntivo e far notificare il cosiddetto atto di precetto (è una comunicazione ufficiale di preavviso di esecuzione immobiliare, nel quale si avvisa a pagare quanto dovuto e le modalità per farlo così da interrompere la procedura espropriativa) presso il domicilio del debitore, con il quale lo intima di saldare il debito entro 10 giorni. Se il debitore, dopo aver ricevuto l’atto di precetto continua a non pagare, dopo 45 giorni il creditore può richiedere il pignoramento dei beni immobili posseduti dal debitore per la somma che serve a coprire il debito, con la vendita all’asta del bene immobile.

Pignoramento immobile: i vincoli caso per caso

Guida al pignoramento immobiliare: a quanto deve ammontare il debito perché il creditore possa procedere e i diversi vincoli a seconda che si tratti di creditori privati, Equitalia o banche.

In caso di pignoramento immobiliare esistono alcune regole che vincolano l’azione di Equitalia all’ammontare dell’importo del debito fiscale. Diversamente per gli altri soggetti che esercitano l’attività di riscossione non vi sono limiti minimi al credito azionabile con l’esecuzione forzata, ovvero possono procedere al pignoramento della casa o di qualsiasi altro immobile per qualsiasi importo. Qualora il creditore sia una banca, il nuovo decreto Banche ha introdotto alcune novità in tema di pignoramento. Vediamo quindi caso per caso quali sono i vincoli imposti alle diverse tipologie di creditori.

Creditore privato

Per quanto riguarda i creditori privati, il debitore è chiamato a rispondere dei debiti contratti con tutto il suo patrimonio, presente e futuro. Per il pignoramento presso terzi, che riguarda i crediti che il debitore ha verso terzi (per esempio il conto corrente, stipendio), oppure cose del debitore che sono in possesso di terzi, il creditore può agire legittimamente anche per importi minimi. È poi il creditore a valutare se tale procedura ha o meno una convenienza economica, sulla base dell’ammontare del debito.

Se il debitore ritiene che i beni pignorati superino di molto il valore del debito, è possibile presentare al giudice dell’esecuzione un’istanza di riduzione del pignoramento in qualsiasi fase della procedura esecutiva, purché il bene non sia stato venduto. Nel caso in cui la richiesta di riduzione venga accolta, qualora ritenga che l’espropriazione sia stata eccessiva per dolo o colpa, il giudice può decidere di condannare il creditore al risarcimento del danno per responsabilità aggravata.

  • inseriti nel fondo patrimoniale, costituito dai coniugi sui beni destinati ai bisogni della famiglia, a patto però che il debito sia stato contratto per scopi estranei ai bisogni della famiglia;
  • di interesse artistico o storico che appartengono allo Stato o ad altro ente o istituto pubblico;
  • destinati a sede di uffici pubblici o comunque ad un pubblico servizio;
  • per i quali sia stata concessa immunità territoriale;
  • edifici destinati all’esercizio pubblico del culto cattolico, anche se appartengono a privati;
  • oggetto di sequestro antimafia disposto dal giudice penale.

Equitalia

Maggiori limiti vengono posti alla possibilità di pignorare un immobile qualora la riscossione del debito venga affidata ad Equitalia:

  • prima del pignoramento è necessario che venga iscritta l’ipoteca;
  • l’ipoteca può essere iscritta solo se il debito è superiore a 20.000 euro:
  • il pignoramento può essere avviato solo se il debito è superiore a 120.000 euro;
  • è vietato il pignoramento sulla prima casa, a patto che si tratti dell’unica casa” del debitore. In sostanza perché valga il principio dell’impignorabilità della prima casa è necessario che il debitore non sia in possesso di alcun altro immobile, indipendentemente dall’uso, dalla destinazione e dall’accatastamento. Anche chi acquisti un minima quota in un altro immobile rende pignorabile la “prima casa”.

Banche

Con l’approvazione del cosiddetto decreto Banche, se in fase di stipula di un mutuo il cliente firma la “clausola di inadempimento”, che ricordiamo essere facoltativa, in caso di mancato pagamento di 18 rate del mutuo, anche non consecutive, la banca può procedere alla vendita dell’immobile, senza bisogno di un processo esecutivo, di un giudice e di un’asta pubblica. Più in dettaglio la norma prevede che si configuri l’inadempimento:

  • quando il mancato pagamento si protrae per oltre sei mesi dalla scadenza di almeno tre rate, anche non consecutive, nel caso di obbligo di rimborso a rate mensili;
  • o per oltre sei mesi dalla scadenza anche di una sola rata, quando il debitore è tenuto al rimborso rateale secondo termini di scadenza superiori al periodo mensile;
  • ovvero, per oltre sei mesi, quando non è prevista la restituzione mediante pagamenti da effettuarsi in via rateale, dalla scadenza del rimborso previsto nel contratto di finanziamento.

A seguito della vendita della casa da parte della banca:

  • se dalla vendita si ottiene un ricavo inferiore al valore dell’immobile, il mutuatario sarà comunque libero dai debiti con l’istituto di credito;
  • se si ottiene un ricavo maggiore, la banca dovrà versare la differenza al debitore.

In ogni caso il trasferimento della proprietà alla banca non potrà essere effettuato in merito agli immobili adibiti ad abitazione principale del proprietario, del coniuge o di suoi parenti e affini entro il terzo grado.

Da precisare inoltre che si tratta di una direttiva non retroattiva che, pertanto, potrà essere applicata solo ai nuovi contratti di mutuo con ipoteca sull’immobile a garanzia oppure finalizzati all’acquisto del diritto di proprietà su un immobile. Nel caso in cui il contratto di mutuo non preveda la clausola di inadempimento restano valide le regole in vigore fino ad oggi:

  • vendita all’asta della casa in caso di non pagamento di 7 rate;
  • in caso di ricavo inferiore, il mutuatario sarà ancora debitore della banca.
Read More

08

La nuova Agenzia Entrate-Riscossione (ex Equitalia )

Dal 1° luglio 2017 l’Agenzia delle Entrate-Riscossione, ha sostituito la cara vecchia Equitalia, può pignorare direttamente i conti correnti dei contribuenti senza alcuna autorizzazione del giudice.

Come previsto dal dl 193/2016, convertito con modificazioni dalla Legge n.225/2016, dal 1° luglio 2017 le società del gruppo Equitalia sono sciolte (tranne Equitalia Giustizia) e nasce l’ente pubblico economico, Agenzia delle entrate-Riscossione.
L’esercizio delle funzioni relative alla riscossione sull’intero territorio nazionale (Sicilia esclusa) è attribuito all’Agenzia delle entrate ed è svolto dall’Agenziadelle entrate-Riscossione, ente sottoposto all’indirizzo e alla vigilanza del Ministro dell’Economia e delle Finanze.
Restano invariate le sedi degli sportelli, ma da lunedì 3 luglio i contribuenti troveranno il nuovo logo e la nuova modulistica, mentre le attività e i servizi saranno svolti in continuità con la precedente gestione, considerato che l’Agenzia delle entrate-Riscossione subentra a titolo universale nei rapporti giuridici attivi e passivi, anche processuali, delle società del Gruppo Equitalia.
Cambia anche il portale internet, raggiungibile all’indirizzo www.agenziaentrateriscossione.gov.it, dove gli utenti hanno a disposizione un vero e proprio sportello virtuale: entrando nell’area riservata con le credenziali di accesso è possibile controllare la propria situazione debitoria, pagare cartelle e avvisi, chiedere e ottenere una rateizzazione fino a 60 mila euro, sospendere la riscossione nei casi previsti dalla legge, richiedere il servizio di alert SMS–Se Mi Scordo, delegare un intermediario, visualizzare i documenti, anche quelli relativi alla definizione agevolata. Stessi servizi che possono essere utilizzati attraverso la app Equiclick, disponibile su smartphone e tablet.

Inoltre, l’articolo 3 del D.L. 193/2016 ha potenziato i poteri del Fisco in materia di controllo delle disponibilità liquide dei contribuenti.

La nuova Agenzia delle Entrate-Riscossione ha infatti molti più poteri della «cara e vecchia» Equitalia. Questo ente può accedere a tutte le banche dati INPS per pignorare gli stipendi, i salari e le altre indennità dei contribuenti italiani e può pignorare anche i loro conti correnti in maniera diretta, senza l’autorizzazione del giudice. Dal 1° luglio l’Agenzia delle Entrate-Riscossione ha incorporato Equitalia e ha potenziato i suoi poteri, in base all’articolo 3 del D. L 193/2016 convertito nella Legge n. 225/2016.

Di norma, nella procedura ordinaria, quando il creditore è un comune cittadino deve essere autorizzato dal tribunale per procedere a un qualsivoglia pignoramento sul conto corrente di una banca. E si prevedono tempi abbastanza lunghi:  il creditore prima deve notificare l’atto esecutivo, ad esempio la sentenza, poi deve notificare l’atto di precetto, mediante il quale intima il debitore ad assolvere al pagamento entro il termine di dieci giorni dalla notifica dell’atto. E infine, solo dopo che siano trascorsi dieci giorni senza che il debitore abbia pagato, il creditore può notificare l’atto di pignoramento sia al debitore che alla banca. Ma tutto questo iter viene meno se è il Fisco a ricoprire il ruolo di creditore. In tal caso la procedura è più veloce.
Grazie all’articolo 3 del D. L 193/2016 convertito nella Legge n. 225/2016 l’Agenzia delle Entrate-Riscossione può pignorare i conti correnti dei contribuenti italiani in un batter d’occhio. Il contribuente ha comunque 2 mesi di tempo dalla notifica della cartella di pagamento per attivare procedure a suo favore, tra cui la rateizzazione o l’insolvibilità o giustificare il non dovuto.

Read More

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Continuando la navigazione o scorrendo la pagina accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Più informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi